Cerca nel blog

sabato 11 marzo 2017

Lutero monamour

Lor signori, la Cena è servita: dal Conflitto alla Comunione

"Dal conflitto alla comunione" è diventato un tormentone in questo funesto 500° anniversario di una rivoluzione che ha cambiato la storia che pretenderebbero riscrivere con le loro storie di ordinaria apostasia, che dovremmo ingoiare senza reagire. Ebbene, oltre a "resistere" segnalando quanto le "chiese locali" siano ormai affette da contagio forse irreversibile, continuiamo a richiamare l'attenzione sulle nostre riflessioni su questo spinoso tema [qui - qui - qui - inoltre indice degli articoli sul falso ecumenismo] (M.G.)

clicca per ingrandire
Lutero sta davvero spopolando ovunque. Ecco un esempio tra i tanti che chiunque potrebbe segnalare a partire dall’osservatorio della sua regione.

Sull’onda di questo fatidico 500° anniversario della rivoluzione luterana il popolo cattolico durante quest’anno è “catechizzato” con inusitato fervore, meglio detto, riceve ad ogni occasione un gran bel lavaggio di cervello, in modo da fargli accettare Lutero alla stregua di un qualsiasi santo, che magari, come ne sono esistiti nel passato, disgraziatamente non era stato subito apprezzato dalla gerarchia.

Quando sul portale della chiesa ci si imbatte in un manifesto inequivocabilmente intitolato “dal Conflitto alla Comunione” il fedele cattolico medio cosa può dedurre?
E non c’è solo il programma in sé: si viene a sapere che un prete ed un pastore dialogheranno a braccetto, proponendosi quindi come primi testimoni concreti delle suadenti parole del titolo che, per loro tramite, si fa... ecumenica carne.

La parola “Comunione” (attenzione: scritta in maiuscolo) non può che rimandarlo all’evidenza che ormai la comunione interconfessionale è cosa fatta, e che Lutero ormai non è più da considerare come il leader protestante per antonomasia, ma addirittura come un riformatore né più né meno della Chiesa Cattolica.
Che problema c’è? ormai “les jeux sont faits”!

Se per di più il medesimo fedele cattolico medio nel frattempo aveva già udito alla televisione la sortita ad alta quota che "Lutero è stato una medicina per la Chiesa” allora il quadro è senza dubbi completo, con o senza i 5 dubia di cui egli non sa proprio nulla, perché la stampa cattolica diocesana se ne guarda bene dal fornirgli la seppur minima informazione al riguardo.

Così dalla Comunione all’intercomunione il passo è davvero breve, perché l’humus è già dissodato e pronto lasciar germogliare la malerba. 
Facile profezia? 
Staremo a vedere... in ogni caso ciò che vediamo ora ci basta e avanza.
 

Nessun commento:

Posta un commento